Contatto 2024 – Firenze

Siamo felicissimə di annunciare la terza edizione del nostro festival Contatto, per la prima volta a Firenze! 🌻
Due giornate di tavoli, laboratori, scambi di idee, creazione di connessioni, musica e spettacoli: sabato 25 e domenica 26 maggio alla Casa del Popolo Le Panche in Via Giulio Caccini, 13b.
Si discuterà di salute mentale, di cura, di lotta e di comunità, dando spazio agli intrecci che questi temi hanno con il lavoro, il carcere e i cpr, la scuola, le istituzioni e i servizi sanitari, l’ecologia, l’intelligenza artificiale e molto altro.

PROGRAMMA (IN AGGIORNAMENTO)

SABATO 25 MAGGIO

  • 11.00 Introduzione al festival
  • 11.30: Vecchie e nuove istituzioni e dispositivi del controllo sociale, a 100 anni dalla nascita di Franco Basaglia

  • 13.30 pranzo 
  • 15.30 Carcere e CPR e migranti: i luoghi della disumanizzazione
  • 17.30 La scuola come apparato di omologazione che non riconosce le differenze

  • 19.30 Performance

  • 20:00 cena 

  • 21:00 StandUp Comedy

  • 22:30 musica live

DOMENICA 26 MAGGIO

  • 11.00: Introduzione al programma della domenica
  • 11.30 Presentazione libri
  • 13.30 Pranzo
  • 14.30 Tavolo lavoro: E noi come stiamo? Lotta e benessere nei luoghi di lavoro.
  • 16.30 Catastrofi sul territorio e capitalismo: conseguenze sulle salute mentale
  • 18:30 Plenaria finale

Por una red de resistencia internacional

El 24 de marzo realizamos un encuentro internacional donde diferentes organizaciones políticas, individuos y miembros de comunidades de diferentes partes del mundo se reunieron para compartir experiencias y reflexiones sobre lo que significa cuidar a las personas y comunidades en contextos de guerra, conflicto y violencia política.

Nos gustaría agradecer a todos por su esfuerzo, generosidad y tiempo para este proyecto colectivo e internacional: Fikret Çalağan de Ata Soyer Sağlık ve Politika Okulu, Davide Grasso de Italia, Ian Parker y Luke Manzarpour de la Red Clinic en el Reino Unido, Samah Jabr de Palestina, Mariela Rodríguez de Cuba, Graciela Painelaf de Wallmapu, Comité Cerezo de México, Pedro Madero y Beto Paredes de la comunidad de Santa María Ostula en Michoacán.

Leggi tutto “Por una red de resistencia internacional”

For a network of international resistance

On March 24th, we held an international meeting where different political organisations, individuals and community members from different parts of the world came together to share experiences and reflections on what it means to care for people and communities in contexts of war, conflict and political violence.

We would like to thank everyone for their effort, generosity and time for this collective and international project: Fikret Çalağan from Ata Soyer Sağlık ve Politika Okulu, Davide Grasso, Ian Parker and Luke Manzarpour from the Red Clinic in UK, Samah Jabr from Palestine, Mariela Rodriguez from Cuba, Graciela Painelaf from Wallmapu, Comité Cerezo from Mexico, Pedro Madero and Beto Paredes from the Santa Maria Ostula community in Michoacán.

Leggi tutto “For a network of international resistance”

Per una rete internazionale delle lotte

Il 24 marzo abbiamo dato vita a un incontro internazionale che ha visto diverse organizzazioni politiche, persone e membri di comunità provenienti da diverse parti del mondo riunirsi e condividere esperienze e riflessioni su cosa significhi prendersi cura delle persone e delle comunità in contesti di guerra, conflitti e violenza politica.

Vogliamo ringraziare tutt* per lo sforzo, la generosità e il tempo che hanno dedicato a questo progetto collettivo e internazionale: Fikret Çalağan della Ata Soyer Sağlık ve Politika Okulu, Davide Grasso, Ian Parker e Luke Manzarpour della Red Clinic, Samah Jabr dalla Palestina, Mariela Rodriguez da Cuba, Graciela Painelaf dal Wallmapu, il Comité Cerezo dal Messico, Pedro Madero e Beto Paredes della comunità di Santa Maria Ostula di Michoacán.

Leggi tutto “Per una rete internazionale delle lotte”

24.03: Cuidando el mundo, a través de la catástrofe

Prácticas de salud mental en contextos de crisis, conflicto y violencia política

Nos complace invitarles a participar de un momento de discusión entre organizaciones en diferentes partes del mundo que tienen que ver con la salud mental en territorios de conflicto, guerra y violencia política.

La reunión es abierta y se llevará a cabo en línea. Haremos todo lo posible para proporcionar traducción simultánea al inglés, turco y español.

Regístrate y recibe el link Zoom: brigatabasagliamilano@gmail.com
Mantente en contacto: rellene el FORM

PROGRAMA

17.00 – Brigada Basaglia: introducción

17.20 – Fikret Çalağan, Kurdistán, miembro de la Escuela de Salud y Política Ata Soyer, una realidad fundadora de la Asamblea de Salud del Congreso de la Sociedad Democrática (DTK) y de la Asamblea de Salud del Congreso Democrático de los Pueblos (HDK). Su objetivo es desarrollar y mantener el conocimiento comunitario y su poder curativo, un conocimiento y un poder que la medicina moderna no solo ignora, sino que también trata de subsumir.

17.40 – Assala Mdawkhy, Túnez – Activista queer tunecina perteneciente al movimiento LGBTQI+ en Túnez y Pan África.

18.00 – Davide Grasso, Italia, combatiente de las YPG en Siria en 2016, investigador y escritor de Hevalen, 2017 y La città e il fantasma, 2019.

18.20 – Ian Parker y Luke Manzarpour, Reino Unido, – Red clinic, un colectivo de trabajadorxs comunistas de la salud mental unidxs por una psicoterapia radical, por el cuidado de lxs oprimidxs y por unir a los dos al servicio de la política comunista.

18.40 – Samah Jabr, Palestina, coordinadora de los servicios de salud mental en Cisjordania y Gaza.

19.00 – Mariela Rodríguez, Cuba, miembro de la Asociación Mundial de Psicoanálisis y de la Facultad de Psicología, Universidad de La Habana.

19.20 – Graciela Painelaf, Wallmapu, Lawentuchefe del lof de Nahuelpan, sanadora tradicional mapuche conocedora de las plantas y otras fuerzas y energías de la naturaleza que ayudan a restablecer el equilibrio perdido

19.40 – Comité Cerezo, México, organización solidaria y de voluntariado dedicada a la defensa y promoción de los derechos humanos de las víctimas de la represión política en México, con carácter civil, autónomo, laico e independiente

20.00 – Pedro Mercado Madero, México, Consejo Comunal de Santa María Ostula, organización ubicada en el estado mexicano de Michoacán enfocada en la autodefensa y la autonomía y Heriberto Paredes, periodista independiente acompañando a la comunidad.

20.20 – Debate y propuestas para seguir trabajando juntxs.

Cent’anni di Basaglia

L’11 Marzo 1924 nasceva Franco Basaglia.

È impossibile ricordare quello che Basaglia è stato in poche righe ed è ancora più difficile sapendo che di Basaglia, di Gorizia, di Trieste e della legge 180 si parla sempre meno, dentro e fuori la psichiatria.

L’opera basagliana è scarsamente letta e studiata, a volte relegata a una dimensione storica che ne svilisce l’estrema attualità. Nonostante questa consapevolezza, osserviamo nascere un nuovo interesse verso i testi di Basaglia e delle persone che hanno lavorato con lui, a partire da sua moglie Franca Ongaro. Diversi libri – come “Morire di Classe”, ma non solo – sono stati recentemente riscoperti e ripubblicati e ci auguriamo sia un rinascimento basagliano.

Leggi tutto “Cent’anni di Basaglia”

24.03: Taking care of the world, through the catastrophe

Mental health practices in settings of crisis, conflict and political violence

We are pleased to invite you to participate in a moment of discussion between groups, collectives, communities in different parts of the world that deal with mental health in territories of conflict, war and political violence.

The meeting is open and will be held online. We will do our best to provide simultaneous translation into English, Turkish and Spanish.

Want to stay in touch? FILL IN THE FORM.
TO RECEIVE THE ZOOM LINK: brigatabasagliamilano@gmail.com

PROGRAM

Leggi tutto “24.03: Taking care of the world, through the catastrophe”

Il nostro intervento per il corteo dell’8 marzo

Siamo la Brigata Basaglia, un collettivo che si occupa di salute mentale, in una prospettiva politica, femminista e comunitaria.

💜🔥 Siamo qui per dire, urlare, che l’8 marzo è un giorno di lotta contro il sistema patriarcale che ci vuole ammalare, contro un sistema violento e sessista.
Rivendichiamo il diritto a vivere in una società la cui politica deve mettere al centro la tutela della salute mentale, fisica e sociale, di tutte, tutti e tuttu. Quale principio universale.

E oggi ci arrabbiamo perché riconosciamo che in questo sistema sono le donne, persone non binarie, trans, omosessuali, migranti e economicamente fragili a rimetterci “la testa” e il corpo.

Leggi tutto “Il nostro intervento per il corteo dell’8 marzo”

24.03: Prendersi cura del mondo, attraversare la catastrofe

Pratiche di salute mentale in zone di conflitto, crisi e violenza politica

Siamo felici di invitarvi a partecipare a un momento di confronto tra realtà che in diverse parti del mondo si occupano di salute mentale in territori di conflitto, guerra e violenza politica.

L’incontro è aperto e si terrà online. È prevista traduzione simultanea in inglese, turco e spagnolo.

PER ISCRIVERTI E RICEVERE IL LINK: scrivi a brigatabasagliamilano@gmail.com
Oppure COMPILA IL FORM.

PROGRAMMA

Leggi tutto “24.03: Prendersi cura del mondo, attraversare la catastrofe”

Milano-Cortina 2026 – Dalla montagna alla città Olimpiadi insostenibili

milano cortina 2026 dalla montagna alla città olimpiadi insostenibili
corteo 10 febbraio piazzale lodi milano ore 15

Tante persone e realtà politiche si sono incontrate a Piano Terra il 20 gennaio a Milano, per prendere parte all’assemblea indetta da C.I.O. (Comitato Insostenibili Olimpiadi). Un confronto in cui si è lanciata pubblicamente la mobilitazione contro la devastazione ambientale e lo spreco di denaro pubblico che le Olimpiadi Invernali Milano-Cortina 2026 comporteranno per i nostri territori montani. Devastazione ambientale che toccherà anche la città con ulteriore cementificazione e aumento dei costi per tutt3 l3 abitanti delle città coinvolte.


In un momento storico in cui la crisi climatica è arrivata probabilmente a un punto di non ritorno, in cui l’esigenza impellente è quella di trovare un equilibrio e una convivenza armonica con il mondo e nella natura, l’ottusità e i diktat neoliberisti del profitto per pochi e ad ogni costo ci portano a distruggere ancora, ancora e ancora per cosa? Una pista da bob? Autostrade e strade totalmente inutili? Impianti sciistici quando sappiamo che stiamo affrontando una crisi climatica che ci asseterà e desertificherà? Ormai da anni numerosi studi, ricerche scientifiche e analisi politiche stanno insistendo nel dimostrare e affermare che dobbiamo tenerci stretti i nostri alberi, i nostri ambienti naturali, e anzi dovremmo piantare milioni di alberi nelle nostre città per abbassare le temperature sempre più alte. E invece che cosa si fa? Gli alberi li tagliamo per fare spazio al cemento.
Vogliamo fermare amministratori, governi, multinazionali e aziende dal fare questi scempi e rovinarci la vita?


Un primo appuntamento nazionale e ampio sarà il 10 febbraio a Milano (la città esemplare del peggio modello di autodistruzione).

10.2 | h15 piazza Lodi | Corteo: dalla montagna alla città, Olimpiadi insostenibili